La guerra di Troia. Omero con i sandaloni

Il nostro parere

La guerra di Troia (1961) ITA di Giorgio Ferroni

L’Iliade rivista dal peplum molti anni prima di vedere Brad Pitt con i pettorali di Achille. Si tratta di un film più che dignitoso realizzato da Giorgio Ferroni, serio professionista. Il ciclo omerico non viene snaturato nonostante si sia operato una semplificazione eccessiva di responsabilità e colpe. Enea, poi, assurge a protagonista donando spazio a Steve Reeves. Questo consente a Ferroni di ricamare in libertà sui personaggi secondari dell’opera letteraria che qui prendono il centro della scena. I fatti epici, invece, vengono utilizzati con saggezza per giustificare le azioni di Enea.

Le scene di battaglia sono di ottimo livello, tant’è vero che molti altri film le ricicleranno negli anni successivi. La critica internazionale è abbastanza positiva anche se non sfugge la recitazione ingessata e la totale mancanza di profondità nel testo. Il successo giunge in diversi stati dell’Europa. Perfino negli Stati Uniti ha avuto riscontri dal box office.

Potrebbe piacerti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Email